GIOIE MUSICALI 2020: L’IMPORTANZA DI CONDIVIDERE LA GIOIA DELLA MUSICA

“Freude heißt die starke Feder
In der ewigen Natur.
Freude, Freude treibt die Räder
In der großen Weltenuhr.”

“Gioia si chiama la forte molla
che sta nella natura eterna.
Gioia, gioia aziona le ruote
nel grande meccanismo del mondo”

“Inno alla Gioia”, Corale, IX Sinfonia,
Ludwig van Beethoven (1770-1827)
Manoscritto entrato a far parte dal. 2001 mel patrimonio dell’umanità UNESCO
Adottato nel 1985 dagli stati membri come inno dell’Unione Europea

In versione ridotta e con modalità straordinarie, ma l’annuale Festival Internazionale Giovanile Gioie Musicali non rinuncia alla sua XVI edizione, con una proposta post-Covid che segna per tutti una nuova stagione di musica dal vivo, di idee, di speranze.

Sarà un Festival rimodulato assecondando le prioritarie esigenze sanitarie, e che manterrà il titolo già deciso prima della pandemia: “Inno alle Gioie”, per festeggiare i 250 anni dalla nascita di Ludwig van Beethoven.

Un Festival che proporrà molta musica del Maestro di Bonn in spazi aperti, offrendo anche informali conferenze su temi ad esso legati (con gli incontri “Strumenti in tazza grande” proposti sulla terrazza del Caffè Centrale di Asolo), e con una parziale trasmissione delle iniziative anche online. 

Numerose saranno le sedi dei concerti e degli incontri ad Asolo del Festival vero e proprio e diverse saranno anche quelle dell’oramai consolidata anteprima a Montebelluna, in occasione della Giornata Internazionale della Musica, previste per il 20 e 21 giugno.

Sabato 20 giugno Gioie Musicali offrirà due Momenti Musicali alla biblioteca Comunale (ore 11) e al Museo Civico (ore 20) di Montebelluna, mentre domenica 21 Giugno alle 17,30, il MEVE – Memoriale Veneto della Grande Guerra – ospiterà una “Maratona Beethoven” che impegnerà giovani interpreti vincitori di concorsi e che già si avviano all’attività musicale professionale: un’ideale staffetta musicale per evitare assembramenti durante la quale l’attore Luca Zanetti, che accompagnerà tutto il Festival nei panni di un insolito Beethoven, leggerà alcuni passi della dichiarazione Schuman, una delle pietre miliari del processo d’integrazione europea, della quale sono ricorsi nel maggio scorso i 70 anni, con un effetto Historical Twist.

Da sabato 4 luglio, invece, il Festival si sposterà ad Asolo per una serie di appuntamenti fino a domenica 12 luglio, proponendo concerti negli spazi aperti del Castello, e in altri luoghi che consentiranno di apprezzare sia i giovani talenti, sia professionisti molto affermati.

Tra questi, da segnalare l’eccezionale “Concerto alla Finestra” di domenica 5 luglio (ore 18,30): Riccardo Risaliti e Giovanni Bertolazzi eseguiranno, nella Sala della Ragione, la Nona Sinfonia di Beethoven nella trascrizione per due pianoforti, e sarà diffuso in tempo reale sulla centrale Piazza Garibaldi. Al termine, sarà anche conferito al m° Risaliti il Premio Gioie Musicali, prima edizione.

La partecipazione a tutte le iniziative di Gioie Musicali è gratuita, sottoposta alle normative vigenti in materia di contenimento del contagio.

Scarica il programma 2020